News

Cali di energia, stanchezza e astenia? Come supportare il nostro organismo nel recupero delle riserve energetiche.
/ Categories: News

Cali di energia, stanchezza e astenia? Come supportare il nostro organismo nel recupero delle riserve energetiche.

In alcuni periodi dell’anno o in situazioni particolari, come dopo sforzi fisici dovuti a un’intensa attività lavorativa o sportiva, il nostro organismo è soggetto a condizioni di squilibrio che ne diminuiscono vitalità, forza ed energia.
Perché succede e come mantenere adeguati i livelli di nutrienti che supportano l’organismo nelle sue funzioni fisiologiche e nel recupero delle sue riserve energetiche?

La sensazione di stanchezza, debolezza o mancata energia che proviamo in alcuni periodi o in particolari situazioni si chiama astenia, un termine derivato dal greco asthenes che vuol dire infatti “privo di forze”. Generalmente questo senso di stanchezza può comportare la diminuzione della capacità fisica e mentale, il facile affatticamento e la ridotta resistenza allo sforzo ed è una condizione che può capitare a tutti di provare nell’arco della propria vita.

L’astenia non è una malattia, ma potrebbe essere un potenziale sintomo di numerose patologie o semplicemente di uno stile di vita scorretto o di periodi particolarmente movimentati e stressanti. Nel caso di forme di astenia prolungate è necessario ricorrere al parere medico per analizzare la situazione specifica.

Il senso di stanchezza e di debolezza può essere originato da molteplici cause, come ad esempio:

  • lo stato di convalescenza dopo influenze o altre malattie da virus;

  • il cambiamento di stagione, soprattutto il passaggio dall’inverno alla primavera e in questo caso si parla di astenia primaverile;

  • l’eccessiva attività fisica. In questi casi dove la stanchezza è legata in particolare allo sport si parla di “sindrome da over-training”. È una condizione caratterizzata dalla persistente stanchezza e il calo delle prestazioni fisiche, sebbene non ci siano evidenze organiche, ovvero non sussistano altre malattie, gli esami del sangue siano perfette etc.

  • l’eccessiva attività lavorativa. In questo caso si parla invece di “sindrome da burn-out” cioè una forma di esaurimento fisico e/o mentale dovuta specialmente all’eccessiva attività lavorativa o a mansioni professionali particolarmente stressanti e logoranti. 

    Nei periodi in cui capita di accusare la sensazione di stanchezza sopradescritta occorre arricchire la propria dieta con nutrienti che supportano l’organismo nelle sue funzioni fisiologiche e nel recupero delle sue riserve energetiche, come ad esempio:

  • Il Potassio che è un componente importante per le nostre cellule poiché coadiuva la fisiologica funzione muscolare e aiuta a mantenere valori normali di pressione sanguigna;

  • Il Magnesio che è un minerale presente in grande quantità nel nostro organismo che contribuisce alla riduzione della stanchezza e dell’affatticamento, all’equilibrio elettrolittico, al normale metabolismo energetico, alla funzionalità muscolare, alla sintesi proteica e interviene nel processo di divisione cellulare;

  • La Vitamina C che è una vitamina idrosolubile che protegge le strutture cellulari dallo stress ossidativo e che coadiuva il metabolismo energetico e la riduzione della stanchezza e dell’affaticamento. Contribuisce inoltre al mantenimento della regolare funzione del sistema immunitario durante e dopo uno sforzo fisico intenso, effetto benefico che si ottiene assumendo almeno 200 mg di vitamina in aggiunta all’apporto giornaliero raccomandato;

  • La Carnitina che è un aminoacido che viene sintetizzato nel nostro organismo da fegato e reni a partire dagli aminoacidi Lisina e Metionina e in presenza di Vitamina C e Ferro. 

FORASTEN

Forasten è un integratore alimentare di Magnesio (450 mg), Potassio (450 mg), Vitamina C (400 mg) e L-Carnitina (250 mg) con L-Cistina, Zinco e Coenzima Q10, è utile per colmare le carenze e gli aumentati fabbisogni di tali nutrienti. L’assunzione di minerali in forma di citrato contribuisce all’equilibrio acido-base dell’organismo, che può essere alterato da fattori legati all’età (invecchiamento generale), allo stile di vita (dieta, stress, eccessivo uso di farmaci) o a sforzi muscolari intensi. 


Si consiglia l’assunzione di 1 busta al giorno, versando il contenuto della busta in almeno 200 ml di acqua. 

Previous Article Stress Intenso: cos’è lo stress e come riconoscerlo per mantenere il proprio benessere mentale.
Next Article Disturbi intestinali durante la stagione estiva: come prevenire?
Print
453 Rate this article:
5.0
«aprile 2024»
lunmarmergiovensabdom
25262728293031
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293012345